Segnalo il blog http://bioviolenza.blogspot.it/

“I campi di lavoro forzati non sono poi cosi’ male. Ce ne hanno fatto visitare uno al corso di addestramento di base. Ci sono le docce, e letti con i materassi, e attività ricreative come la pallavolo. Attività artistiche. Si possono coltivare hobby come l’artigianato, ha presente? Per esempio, fare candele. A mano. E i familiari possono mandare pacchi, e una volta al mese loro o gli amici possono venire a trovarla – Aggiunse: – E si può professare la propria fede nella propria chiesa preferita.
Jason disse, sardonico: – La mia chiesa preferita è il mondo libero, all’aperto.” (Philip K. Dick)